La Scuola

La Gemma del Cielo nasce da un’esigenza precisa di strutturare in modo chiaro e rigoroso un insegnamento, che al pubblico viene solitamente proposto in modo frammentario e poco approfondito attraverso le varie discipline disponibili sul mercato.

Uso il termine “frammentario” poiché in occidente si ha la tendenza a vendere un’estrapolazione dell’insegnamento, e non il suo insieme.

Con questo non voglio intendere che non esistano scuole o insegnamenti corretti e coerenti con le tradizioni spirituali; voglio solo sottolineare che a volte la ventata “commerciale” di alcune discipline porta all’emersione di personaggi senza scrupoli, che hanno a cuore il portafoglio dei loro allievi piuttosto che la loro crescita interiore.

La ricerca spirituale è un argomento complesso e per nulla semplice. Ho viaggiato un po’ in lungo e in largo alla ricerca di personaggi che potessero darmi le chiavi di un sentiero interiore o indirizzarmi verso una meta precisa, ma spesso mi sono imbattuto in situazioni che mi hanno soltanto addolorato.
La visione poetica di un maestro amorevole che segue i tuoi passi al fine di farti evolvere mi è stata drasticamente abbattuta lungo il percorso. E’ per questo che, in seguito all’accesso sofferto a scuole “particolari”, ho deciso di condividere la struttura dell’allenamento di “base” considerato comune in tutte le scuole aventi come fine la crescita interiore nel rispetto dei canoni tramandati dai saggi del passato.

Prima di andare avanti è opportuno chiarire una differenza importante circa le scuole e gli uomini che ne sono a capo. Spesso le scuole di saggezza si sono strutturate in seguito allo sforzo personale di un uomo che ha avuto la possibilità e la capacità di sollevare il velo che ci ottenebra; attraverso il suo amore per la condivisione si sono in seguito creati dei lignaggi, o linee di seguaci, che hanno assorbito l’insegnamento del maestro e lo hanno poi sistematizzato rendendolo fruibile ad altri.

Spesso però accade che tali processi, “puri” all’origine, subiscano nel tempo mutazioni non sempre felici, che determinano il sorgere di discrepanze, scismi e rotture che allontanano dall’originario messaggio di armonia. Una volta persa la Luce iniziale diventa difficile districarsi, poiché mancano gli esempi viventi da emulare. Le leggi cosmiche sono tuttavia benevole, e di tanto in tanto permettono che la luce possa manifestarsi attraverso qualcuno o qualcosa. Molti personaggi incredibili risiedono nel mondo senza essere illuminati da alcun riflettore, e occultandosi il più possibile agli altri; ciò nonostante, la loro presenza è motivo di armonia, e questo può essere testimoniato da quanti hanno potuto condividere il loro spazio anche solo per brevi istanti.

Ritornando al nostro discorso, una Scuola è un bagaglio di conoscenze strutturate e organizzate al fine di far evolvere un allievo seguendo i passi di chi, prima di lui, è riuscito nel percorso. Ciò non è garanzia di risultato ma è sicuramente un modo per fare ordine e inquadrare il tipo di lavoro da svolgere. In quest’epoca i grandi maestri vivono occultandosi al grande pubblico, ma non dimenticano di scegliere dei portavoce per non far estinguere quel Fuoco Sacro che è alla base della vera natura umana. In un’epoca nella quale i valori fondamentali sono quelli istintivi di un animale del paleolitico farcito da una condensa di emozioni e pensieri contorti, che speranza abbiamo di essere attratti da un percorso che ci guidi verso la quiete dell’anima? A nessuno importa. Il problema è che il vortice di questa visione materialistica è molto forte e l’ombra che si poggia sul cuore è un macigno pesantissimo.

L’uomo che conosciamo può essere considerato un uomo addormentato, non cosciente di ciò che è realmente. Esso si identifica nei suoi 3 centri basali: la mente, le emozioni e gli istinti. Questo non è il vero uomo. Il mondo è ricco di esempi di personaggi che hanno eluso le leggi fisiche che conosciamo; se questo è vero, deve esserci un perché. Dovremmo porci delle domande, su come funzioniamo realmente, sul senso della nostra vita su questo pianeta e altro ancora, ma alla fine veniamo storditi dalla comunicazione invasiva e insensata dei mass media. Con questo depistaggio continuo e stressante la nostra attenzione è continuamente fuori di noi e mai dentro di noi.

Pertanto l’obiettivo regio della Gemma del Cielo consiste nel portare equilibrio nella triplice struttura (mente, emozione e istinto), per poi cercare di fare un balzo in avanti.

Questo allineamento della triplice struttura porta alla creazione di un uomo differente dai primi 3 definiti ordinari (uomo mentale, uomo istintivo e uomo emotivo). Usando la terminologia di Gurdjieff quest’uomo viene identificato come “l’uomo quattro”, ed è qualcosa di straordinario.

Chi giunge a ciò può iniziare il vero percorso, poiché tutto il lavoro svolto fino a questo punto è utile a preparare le basi necessarie a ciò che sarà.

Prendendo in prestito un brano tratto da “Frammenti di un insegnamento sconosciuto” di P. D. Ouspensky, leggiamo ciò che il Maestro Gurdjieff disse :

In verità, soltanto l’uomo che possieda i quattro corpi completamente sviluppati può essere chiamato Uomo nel pieno senso della parola. Così, l’uomo compiuto possiede numerose proprietà che l’uomo ordinario non possiede.”

A questo punto è bene chiarire che la maggior parte delle scuole che coltivano questo obiettivo possono essere ripartite in tre tipi di lavori: mentale, emotivo e fisico. In base all’orientamento della scuola questi “lavori” si concentrano quasi sempre su di un solo centro, portandolo al limite. Nel momento in cui, attraverso questo allenamento, si arriva ad un super sforzo cosciente si apre un cancello, ma per aprire questo cancello ci vuole tanto tempo e nel momento in cui si apre, ci si accorge che manca qualcosa e bisogna fare un grande lavoro per riequilibrare e integrare gli altri centri. Pertanto questi percorsi sono considerati corretti ma lunghi.

Il lavoro che viene proposto dalla Gemma del Cielo per allineare l’uomo attinge a  quattro scuole differenti:

  • indiana
  • cinese
  • sciamanica
  • cristiana

Questa scelta deriva dal fatto che ho avuto personalmente la fortuna di vivere queste quattro vie, con esperienze particolari ai limiti del credibile.

Queste differenti discipline sono in relazione l’una con l’altra e si combinano tra di loro in un modo unico e specifico. Questo consente di porsi su di un’autostrada rispetto alle prime tre strade canoniche. La Gemma del Cielo combina simultaneamente i lavori su tutte e tre i centri piuttosto che focalizzarsi su uno solo di essi come nelle tre vie precedenti. Inoltre, il lavoro della Gemma del Cielo fa a meno di tutto il superfluo delle tradizioni che appesantisce l’insegnamento chiave utile alla trasformazione.

Questi insegnamenti sono completamente differenti per modalità e struttura da quelli che Gurdijeff insegnò; inoltre, sono estremamente esperienziali. Poiché solo nell’esperienza il cambiamento può avvenire. Do il benvenuto a quanti sentiranno il richiamo e il desiderio di unirsi a questo gruppo di ricerca in continuo perfezionamento.